Con BollettaWeb 7000 euro di solidarietà a 3 associazioni di volontariato

Con BollettaWeb Acque Vicentine porta tanta solidarietà sotto l’albero di Natale. Sono stati consegnati questa mattina, nella sede dell’azienda che gestisce il servizio idrico integrato per 31 Comuni del vicentino, i fondi raccolti attraverso l’iniziativa nata per incentivare il passaggio dalla bolletta cartacea a quella web: passaggio che non costa nulla all’utente e che ha il pregio di contribuire non solo ad una riduzione dell’impatto ambientale ma anche ad un risparmio in termini economici per l’azienda. E questo risparmio Acque Vicentine ha deciso di destinarlo a tre progetti di cooperazione internazionale gestiti da associazioni vicentine.


A sorridere sono oggi le tre associazioni che questa mattina hanno ricevuto complessivamente poco più di 7 mila euro grazie ai 3.518 vicentini che hanno aderito a BollettaWeb da quando è stata lanciata la campagna di solidarietà. Il presidente di Acque Vicentine Angelo Guzzo ha così “premiato”, ringraziandoli per il loro impegno, Alessandro Pellizzari responsabile fundraising dell’associazione ENGIM internazionale ONG – onlus, Marco Cantarelli responsabile dell’associazione ANS XXI e Fernanda Cacciani e Attilio Granziera dell’associazione Amici di Cardenio.


“Con questo progetto Acque Vicentine ha voluto ancora una volta rinsaldare il suo stretto legame con il territorio, sostenendo tre associazioni locali – ha spiegato Angelo Guzzo – A loro va il nostro ringraziamento perché rappresentano al meglio il grande spirito di solidarietà che da sempre distingue la nostra terra. Oggi si chiude una bella pagina, ma la strada di BollettaWeb non si ferma, perché anche da qui passa il nostro impegno per la semplificazione e l’efficienza”.


I tre progetti di solidarietà Per ogni nuovo utente che ha attivato il servizio, Acque Vicentine ha destinato 2 euro al finanziamento di tre progetti di cooperazione internazionale legati alla gestione dell’acqua nei paesi in via di sviluppo. Nello specifico, con le loro adesioni i vicentini hanno sostenuto l’ANS-XXI onlus di Vicenza, impegnata nell'area indigena Maya-Ch'orti' del Guatemala in un progetto di salvaguardia e gestione comunitaria delle risorse idriche (www.ans21.org); l’ENGIM internazionale, o.n.g. dei Padri Giuseppini del Murialdo (Vicenza), che sta realizzando la costruzione di 7 pozzi in Sierra Leone, nel villaggio di Lunsar (www.engiminternazionale.org); il Gruppo Amici di Cardenio (Camisano Vicentino) che sta portando avanti un progetto per soddisfare il bisogno di acqua potabile per uso alimentare e igienico sanitario per la scuola di Ñu Apu’A in Paraguay (www.amicidicardenio.altervista.org).


Bolletta Web Il servizio – riservato a quanti hanno attivato o attivano la domiciliazione bancaria – manda di fatto in pensione le bollette cartacee e dà la possibilità a ciascun utente di avere un’area riservata nel sito di Acque Vicentine in cui poter consultare un archivio delle proprie fatture. All’emissione di ogni bolletta, il cliente web riceve un avviso via mail e può così visualizzare e scaricare le sue bollette in formato pdf. Attivare Bolletta Web è semplicissimo e si può fare comodamente da casa, in qualsiasi momento. Per registrarsi è infatti sufficiente avere a portata di mano il codice fiscale, collegarsi al sito di Acque Vicentine (www.acquevicentine.it) e seguire le semplici istruzioni indicate. Il sistema fornisce in pochi secondi la password per accedere all’area riservata, in cui saranno disponibili le bollette elettroniche.

Lo sportello di Dueville, ospitato nel municipio, rimarrà chiuso dal 19 al 30 gennaio 2015 per consentire il regolare svolgimento dei lavori in corso alla sede municipale.
Per ogni esigenza gli utenti potranno rivolgersi al servizio clienti telefonico, al numero verde 800 397310, o agli altri sportelli aziendali.



In questi giorni sono previste temperature minime molto basse, vi consigliamo le azioni per la protezione dei contatori dell’acqua che possono rompersi a causa del gelo.

I contatori “a rischio” sono quelli collocati all’esterno dei fabbricati, in locali non isolati o in abitazioni utilizzate raramente. Vi consigliamo di proteggerli con materiali isolanti, come ad esempio polistirolo o poliuretano espanso, facilmente reperibili presso rivenditori del settore edile. Per isolare in modo efficace, lo spessore dei pannelli deve essere di almeno 2,5 cm.

I contatori in locali non riscaldati debbono a loro volta essere rivestiti con materiale isolante (sempre polistirolo, poliuretano espanso o materiali simili).

Non avvolgere le tubature dell’acqua con lana di vetro o stracci: questi materiali assorbono acqua e possono addirittura peggiorare la situazione. Inoltre possono costituire un potenziale luogo di annidamento per insetti e sporcizia. Se la temperatura esterna dovesse rimanere per più giorni al di sotto dello zero, è consigliabile lasciare che da un rubinetto fuoriesca un filo d’acqua. E’ sufficiente una modesta quantità, evitando inutili sprechi.

Se i contatori sono in fabbricati disabitati, è consigliabile chiudere il rubinetto a monte del misuratore e provvedere allo svuotamento dell’impianto.

I clienti sono responsabili della corretta custodia del contatore e, in caso di rotture o danni, sono invitati a dare immediata comunicazione all’Azienda telefonando al numero verde del pronto intervento per segnalazione di problemi sulle reti idriche 800 394 888, attivo 24 ore su 24 tutti i giorni dell’anno.

Con BollettaWeb Acque Vicentine porta tanta solidarietà sotto l’albero di Natale. Sono stati consegnati questa mattina, nella sede dell’azienda che gestisce il servizio idrico integrato per 31 Comuni del vicentino, i fondi raccolti attraverso l’iniziativa nata per incentivare il passaggio dalla bolletta cartacea a quella web: passaggio che non costa nulla all’utente e che ha il pregio di contribuire non solo ad una riduzione dell’impatto ambientale ma anche ad un risparmio in termini economici per l’azienda. E questo risparmio Acque Vicentine ha deciso di destinarlo a tre progetti di cooperazione internazionale gestiti da associazioni vicentine.


A sorridere sono oggi le tre associazioni che questa mattina hanno ricevuto complessivamente poco più di 7 mila euro grazie ai 3.518 vicentini che hanno aderito a BollettaWeb da quando è stata lanciata la campagna di solidarietà. Il presidente di Acque Vicentine Angelo Guzzo ha così “premiato”, ringraziandoli per il loro impegno, Alessandro Pellizzari responsabile fundraising dell’associazione ENGIM internazionale ONG – onlus, Marco Cantarelli responsabile dell’associazione ANS XXI e Fernanda Cacciani e Attilio Granziera dell’associazione Amici di Cardenio.


“Con questo progetto Acque Vicentine ha voluto ancora una volta rinsaldare il suo stretto legame con il territorio, sostenendo tre associazioni locali – ha spiegato Angelo Guzzo – A loro va il nostro ringraziamento perché rappresentano al meglio il grande spirito di solidarietà che da sempre distingue la nostra terra. Oggi si chiude una bella pagina, ma la strada di BollettaWeb non si ferma, perché anche da qui passa il nostro impegno per la semplificazione e l’efficienza”.


I tre progetti di solidarietà Per ogni nuovo utente che ha attivato il servizio, Acque Vicentine ha destinato 2 euro al finanziamento di tre progetti di cooperazione internazionale legati alla gestione dell’acqua nei paesi in via di sviluppo. Nello specifico, con le loro adesioni i vicentini hanno sostenuto l’ANS-XXI onlus di Vicenza, impegnata nell'area indigena Maya-Ch'orti' del Guatemala in un progetto di salvaguardia e gestione comunitaria delle risorse idriche (www.ans21.org); l’ENGIM internazionale, o.n.g. dei Padri Giuseppini del Murialdo (Vicenza), che sta realizzando la costruzione di 7 pozzi in Sierra Leone, nel villaggio di Lunsar (www.engiminternazionale.org); il Gruppo Amici di Cardenio (Camisano Vicentino) che sta portando avanti un progetto per soddisfare il bisogno di acqua potabile per uso alimentare e igienico sanitario per la scuola di Ñu Apu’A in Paraguay (www.amicidicardenio.altervista.org).


Bolletta Web Il servizio – riservato a quanti hanno attivato o attivano la domiciliazione bancaria – manda di fatto in pensione le bollette cartacee e dà la possibilità a ciascun utente di avere un’area riservata nel sito di Acque Vicentine in cui poter consultare un archivio delle proprie fatture. All’emissione di ogni bolletta, il cliente web riceve un avviso via mail e può così visualizzare e scaricare le sue bollette in formato pdf. Attivare Bolletta Web è semplicissimo e si può fare comodamente da casa, in qualsiasi momento. Per registrarsi è infatti sufficiente avere a portata di mano il codice fiscale, collegarsi al sito di Acque Vicentine (www.acquevicentine.it) e seguire le semplici istruzioni indicate. Il sistema fornisce in pochi secondi la password per accedere all’area riservata, in cui saranno disponibili le bollette elettroniche.
A causa dello sciopero generale indetto dai sindacati nazionali CGIL, UIL e UGL, nella giornata di venerdì 12 dicembre non potrà essere garantita agli utenti la normale apertura degli sportelli di Acque Vicentine.
Lo sportello di Dueville, ospitato nel municipio, rimarrà chiuso nella giornata di martedì 2 dicembre 2014 per consentire il regolare svolgimento dei lavori in corso alla sede municipale.
Per ogni esigenza gli utenti potranno rivolgersi al servizio clienti telefonico, al numero verde 800 397310.
Un’opportunità di sviluppo e di crescita per tutta la regione, un Veneto più verde e sostenibile, uno strumento finanziario innovativo. Tutto questo è Viveracqua Hydrobond.

 

Il progetto Hydrobond permette di finanziare, nei prossimi 4 anni, 728 interventi a favore del Servizio Idrico Integrato, in centinaia di Comuni della nostra regione. Complessivamente si tratta di opere che prevedono investimenti per 300 milioni di euro, la metà dei quali finanziati proprio attraverso Hydrobond.
A realizzare questo progetto sono stati Viveracqua (consorzio formato da Acque Vicentine, Acque del Basso Livenza, Acque del Chiampo, Acque Veronesi, Alto Vicentino Servizi, ASI, Gestioni Servizi Pubblici, Centro Veneto Servizi, Etra, Polesine Acque, Azienda Gardesana Servizi e Veritas), Finint in qualità di ideatore e strutturatore dell’operazione, Veneto Sviluppo come co-arranger e la Banca Europea degli Investimenti in qualità di investitore principale.

“In questi anni – spiega il Presidente di Viveracqua Fabio Trolese– abbiamo sentito parlare spesso della necessità di fare sinergia tra le nostre realtà produttive, in modo da superare le limitazioni date dalle piccole dimensioni e migliorare la capacità competitiva delle aziende. Ecco, noi lo stiamo facendo con Viveracqua, con l’obiettivo di aumentare l’efficienza del nostro lavoro, fornendo servizi migliori ai cittadini e realizzando gli investimenti che portano benefici ambientali ed indotto economico al territorio”.

Con questa operazione la BEI riafferma il proprio impegno a supporto del settore idrico.  Nel periodo 2008-2013, la banca ha erogato oltre 1,3 miliardi di euro nel settore idrico in Italia. L’operazione di Viveracqua rappresenta una novità assoluta che ha permesso alla BEI di finanziare società che, a causa della loro dimensione limitata e rischio creditizio individuale, avrebbero avuto difficoltà ad accedere direttamente alla finanza BEI. L’eccezionalità dell’intervento BEI, che in questa prima operazione ha sottoscritto la maggior parte dei titoli, si giustifica con la necessità di promuovere un nuovo strumento di mercato con l’attesa che possa essere replicato presto anche in altre regioni e che possa coinvolgere altri investitori istituzionali.
“A livello comunitario vi sono opportunità di finanziamenti, come quelli offerti dalla Banca Europea per gli Investimenti, a condizioni altamente competitive – afferma Alberto Nobili, Responsabile Divisione Internazionale per lo sviluppo della finanza strutturata nell'area EMEA di Finint – Storicamente è stato fatto poco ricorso in Italia a questi strumenti a causa della elevata frammentazione degli operatori economici e dalla contenuta disponibilità nel «fare sistema», ma l’operazione strutturata da Finanziaria Internazionale permette di ovviare a queste difficoltà”.

Da questa sinergia è nato Viveracqua Hydrobond, un’operazione finanziaria innovativa ideata e strutturata da Finint che, mettendo insieme le aziende efficienti del Veneto e sfruttando la nuova normativa sui Minibond, gli strumenti messi a disposizione da Veneto Sviluppo, e le disponibilità economiche della Bei e l’expertise di Finint, ha dato la possibilità di realizzare 300 milioni di investimenti in infrastrutture idriche.

“Attraverso gli Hydrobond e mediante una specifica garanzia di 6 mln di euro, Veneto Sviluppo e la Regione Veneto consentono cruciali investimenti per la modernizzazione delle infrastrutture idriche del territorio – commenta Giorgio Grosso Presidente di Veneto Sviluppo – e grazie al nostro ruolo di co-arranger nell’ambito dell’emissione dei minibond, siamo stati la prima finanziaria regionale in Italia in grado di mettere in campo uno strumento  con una struttura così innovativa.  Per il Veneto vi sono disponibilità e risorse anche  al di fuori dei confini nazionali – conclude Giorgio Grosso – da poter utilizzare virtuosamente e a condizioni competitive e che possono così alimentare il rilancio della nostra economia reale, ma vanno ricercate con piani e progetti di grande spessore, puntualità e competenza, soddisfacendo così tutti i requisiti imposti dalla Banca Europea”.

Il Piano degli interventi prevede complessivamente la realizzazione di 728 opere, il cui valore medio è pari a 400 mila euro. In realtà, nello specifico, si tratta di 367 progetti, la metà del totale, che hanno un costo ridotto e un valore medio pari a 60 mila euro, di 219 progetti che hanno un valore medio di 350 mila euro e 142 progetti del valore medio pari a 1,4 milioni. Se si analizza il costo delle opere, invece, i lavori costeranno 190 milioni di euro, le forniture tecnologiche 60 milioni, mentre 50 milioni sono destinati alle attività professionali. In base a questi dati, si stima che 300 persone saranno direttamente impegnate, per i prossimi 4 anni, nella realizzazione delle opere dal Piano degli interventi.

  Da un punto di vista ambientale, le nuove infrastrutture porteranno ad un notevole miglioramento della sostenibilità: saranno realizzati 560 km di condotte di acquedotto e fognatura e si otterrà un evidente aumento della capacità depurativa per 500mila abitanti del Veneto. Il che significa, meno fosforo, meno azoto e meno carbonio presenti nei corpi idrici della nostra regione. Gli investimenti riguardano, infatti, per il 41% interventi a favore delle fognature, per il 23% a favore degli impianti di depurazione e per il 36% a favore degli acquedotti.

Se si considerano le tempistiche di realizzazione degli interventi, bisogna notare che 398 progetti sono in fase di progettazione iniziale, 144 in fase di progettazione avanzata e 198 lavori sono già in fase di esecuzione.

All'interno di questo progetto, cantieri per 54 milioni di euro interesseranno direttamente il territorio di Acque Vicentine nel prossimo quadriennio.
Per Acque Vicentine, nel piano 2014-2017, sono in programma investimenti per 54 milioni di euro che prevedono importanti interventi in tutto il territorio di competenza.

In particolare sono previsti significativi lavori nei settori fognario e depurativo (34 milioni) con l’estensione del servizio di fognatura (nelle aree di Bolzano Vicentino, Bressanvido, Caldogno, Castegnero, Noventa Vicentina, Quinto Vicentino, Ancignano di Sandrigo) e del servizio di depurazione (nelle aree Altavilla Vicentina, Monticello Conte Otto, Vicenza, Quinto Vicentino, Torri di Quartesolo, Bolzano Vicentino). Si procederà inoltre alla razionalizzazione del sistema depurativo con la dismissione di depuratori medio-piccoli e il potenziamento del trattamento nei grandi impianti che garantiscono maggiore efficienza depurativa e migliori prestazioni ambientali (nelle aree Arcugnano, Bolzano Vicentino, Camisano Vicentino, Montegalda, Monticello Conte Otto, Nanto, Quinto Vicentino, Sandrigo, Torri di Quartesolo). Proseguirà infine l’opera di separazione della rete fognaria, di adeguamento sfiori e sostituzione condotte (Dueville, Grumolo delle Abbadesse e Noventa Vicentina)

Circa 20 milioni di euro di investimenti sono invece previsti nel settore acquedotto per migliorare l’efficienza e l’affidabilità del sevizio intervenendo sul potenziamento degli impianti (ad Arcugnano, Barbarano, Monte Crocetta a Vicenza, Masare per l’area di Creazzo, Sovizzo, Gambugliano, centrale “Riviera Berica”) e delle reti (potenziamento Moracchino - Viale Trento a Vicenza, collegamento acquedotto Vicenza - Monticello Conte Otto). Si punta inoltre all’estensione e potenziamento del servizio e ad una campagna di ammodernamento dei contatori.
Vicenza – Acque Vicentine comunica che, per consentire i lavori di completamento della sostituzione dei sottoservizi, l’erogazione dell’acqua subirà delle sospensioni nell’area dei Cappuccini a Vicenza.

Nello specifico, domani, mercoledì 8 ottobre, dalle 15 alle 18 la sospensione interesserà via dei Cappuccini - nel tratto compreso tra Piazzale Tiro a Segno e via M.te Cimone -, via Lussemburgo e via Europa, mentre giovedì 9 ottobre saranno invece coinvolte via M.te Zovetto, dalle 8.30 alle 12, e le vie Cengio e Zanellato, dalle 13.30 alle 17.30.

Apposita comunicazione di avviso è stata posizionata nelle vie interessate.
Per ulteriori chiarimenti si invita l'utenza a contattare lo sportello telefonico di Acque Vicentine al numero verde 800 397310.


Continua l'impegno di Acque Vicentine per un rapporto con gli utenti sempre più trasparente, chiaro e corretto.
E' stato siglato questa mattina il Protocollo d'intesa per la conciliazione delle controversie.

Il documento - firmato da Acque Vicentine e dai rappresentanti delle associazioni di tutela dei consumatori Adiconsum e Federconsumatori - traccia le linee guida della procedura volontaria di conciliazione che sarà introdotta, con carattere sperimentale per un anno, per la risoluzione delle controversie che dovessero insorgere tra Acque Vicentine e gli utenti in relazione al servizio idrico integrato.
A siglare il documento Angelo Guzzo, presidente di Acque Vicentine, Mario Carollo, presidente di Adiconsum Vicenza, Valter Rigobon, presidente di Adiconsum Veneto, e Luigi Guiotto, presidente di Federconsumatori.
Al momento Acque Vicentine non ha nessun caso di controversia aperta.

"Questo documento si inserisce nel cammino che stiamo facendo per rendere sempre più trasparente, chiaro e corretto il rapporto con gli utenti - sottolinea Guzzo - C'è la piena volontà di cogliere ogni opportunità per fare passi avanti in questa direzione. Per questo ringraziamo per la collaborazione Adiconsum e Federconsumatori, associazioni con cui abbiamo già condiviso passaggi importanti ad esempio sui nuovi metodi di calcolo delle tariffe".
“Adiconsum e Federconsumatori – aggiungono i referenti delle due associazioni – esprimono la loro soddisfazione per l’accordo raggiunto, auspicando che tale intesa possa essere estesa a tutte le imprese del servizio idrico della regione Veneto, magari anche attraverso l’ANCI Veneto con cui è già aperto un tavolo di confronto su questo tema”.

Nello specifico, Acque Vicentine e le Associazioni di tutela dei Consumatori intendono mettere in campo, attraverso la conciliazione, un adeguato e valido strumento per la soluzione dei contenziosi e per la risposta alle istanze dei clienti. Uno strumento che, come sostiene anche l’Unione Europea (raccomandazioni della Comunità Europea n. 1998/257/ce e n. 2001), garantisce rapidità ed efficacia, riducendo di fatto i tempi e i costi sia per il cliente che per l’azienda. Nella fase sperimentale sarà possibile attivare la procedura di conciliazione per alcune problematiche relative al rapporto contrattuale e alla fatturazione dei servizi.

L'avvio della procedura per la conciliazione è volontario e gratuito e può essere fatto dal cliente che, a fronte di una segnalazione scritta, non abbia ricevuto risposta entro 30 giorni o abbia ritenuto la risposta insoddisfacente. A curare la controversia sarà una commissione, con un rappresentante dell'azienda ed uno nominato dalle associazioni dei consumatori, che analizzerà il caso. In caso di accordo, la Commissione presenterà la proposta di conciliazione che il cliente potrà accettare – nel qual caso diventerà vincolante – o rifiutare, nel qual caso avrà la facoltà di attivare i rimedi giudiziari consentiti dalla legge. Il procedimento si conclude di norma entro 90 giorni lavorativi dal ricevimento della domanda. In qualsiasi momento precedente la sottoscrizione dell'eventuale accordo il consumatore è comunque libero di rinunciare e di attivare altri strumenti per la risoluzione della controversia.


In seguito ad una segnalazione arrivata agli uffici, Acque Vicentine invita i cittadini a prestare la massima attenzione a possibili tentativi di truffa messi in atto da persone che si presentano nelle case come tecnici dell’azienda.
L’invito arriva dopo la segnalazione da parte di un residente del quartiere di Santa Bertilla, a Vicenza, che ha comunicato che un uomo si è introdotto in un condominio dicendo di essere un tecnico di Acque Vicentine e di dover cambiare dei rubinetti all’interno delle abitazioni, chiedendo poi 350 euro per l’esecuzione dell’operazione.

La società che gestisce l’acquedotto, la fognatura e la depurazione ricorda che il personale incaricato dei sopralluoghi è sempre dotato di apposito cartellino di riconoscimento e non richiede il pagamento diretto delle prestazioni.
Acque Vicentine invita i cittadini, in tutti i casi sospetti o dubbi, a contattare l’azienda al numero 800 397310 attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 20 e il sabato dalle 8 alle 13, o ad avvisare le forze dell'ordine.

ACQUA ORO BLU 2015-2016: educazione ambientale sull'acqua per le scuole vicentine

Il percorso didattico proposto da Acque Vicentine, partendo dall’acqua che si vede (il mare, i fiumi), guida i ragazzi alla scoperta dell’acqua invisibile, ma importantissima, presente nelle falde acquifere del sottosuolo; il viaggio prosegue poi lungo i tubi dell’acquedotto, i rubinetti e gli scarichi delle nostre case, fino ad arrivare ai depuratori, che ripuliscono l’acqua e la restituiscono ai fiumi …e il viaggio ricomincia.

La conoscenza del ciclo idrogeologico si arricchisce così di nuove sfaccettature, legate all’intervento dell’uomo e alle sue esigenze, e si lega a gesti dell’esperienza quotidiana come bere, cucinare, lavare.

Attraverso esperienze dirette, attività in classe e visite guidate gli alunni potranno capire e sperimentare quanto le loro azioni possano incidere sulla tutela delle risorse idriche.

A CHI E' RIVOLTO:
Le attività proposte sono rivolte alle classi III, IV, V della scuola primaria e I, II della scuola secondaria di I grado dei Comuni in cui opera Acque Vicentine. Vedi l'elenco dei Comuni.
Per il Comune di Vicenza il progetto Acqua Oro Blu è inserito nel POFT predisposto dall’ufficio Servizi Educativi.

LE ATTIVITA' PROPOSTE: I formatori incaricati da Acque Vicentine sono operatori specializzati del Laboratorio di Educazione Ambientale della Provincia di Vicenza.


I COSTI:
Acque Vicentine ha stanziato un budget per l’educazione ambientale e si farà carico interamente dei costi delle attività in classe e del personale che guiderà le uscite. Per le uscite didattiche, il trasporto dovrà essere organizzato e pagato dalla scuola. Per facilitare la realizzazione di questi importantissimi momenti del percorso educativo e dare ai ragazzi la possibilità di “toccare con mano” ciò che hanno imparato, Acque Vicentine darà un contributo di 40 € a classe a parziale copertura delle spese di trasporto. All’esaurimento del budget disponibile gli interventi saranno possibili solo a pagamento. È possibile richiedere singolarmente ciascuna delle attività proposte.

PER INFORMAZIONI:
Laboratorio Educazione Ambientale Vicenza
Tel 0445 641606, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30
Fax 0445 541140
e-mail info@laboratorioambientale.vi.it


Lunedì 22 settembre dalle 13.30 alle 17.30 nelle vie dei Cappuccini, Zanellato, Cimone, Monte Cengio, Lussemburgo, Europa a Vicenza sarà sospesa l'erogazione dell'acqua per permettere l'esecuzione dei lavori idraulici necessari al collegamento della nuova condotta di acquedotto posata in sostituzione della vecchia tubazione risalente ai primi del Novecento. Apposita comunicazione di avviso viene posizionata nelle vie interessate.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare il servizio clienti di Acque Vicentine al numero verde 800397310.


Avvisiamo la gentile Clientela che Lunedì 8 settembre gli sportelli di Vicenza, Camisano e Dueville saranno chiusi al pubblico.
Avvisiamo la gentile Clientela che dal 18 agosto 2014 lo sportello Clienti Acque Vicentine, con sede presso il Comune di Dueville, avrà un nuovo orario di apertura:

LUNEDÌ 9.30 - 12.30
MARTEDÌ 9.30 - 12.30
GIOVEDÌ 8.00 - 12.30
Oggi, nel corso delle attività del cantiere in via Zambalda, è stata intercettata e accidentalmente rotta la tubazione dell’acquedotto.

Gli operatori di Acque Vicentine sono al lavoro per la riparazione della rottura. L’intervento durerà fino al tardo pomeriggio e, a conclusione della riparazione, l’erogazione d’acqua verrà ripristinata regolarmente.

Consigliamo i gentili utenti di lasciare scorrere l’acqua dal rubinetto per alcuni istanti per facilitare l’eliminazione di eventuali residui che si fossero depositati nei tubi.
Venerdì 27 giugno alle ore 18.30 presso Agorà Ambiente e Territorio Acque Vicentine presenta i risultati del monitoraggio europeo Urban Water Footprint elaborati dal dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università degli Studi di Padova.
Il workshop è organizzato dal Comune di Vicenza in collaborazione con Acque Vicentine e Centro Idrico di Novoledo.

Dalle 17.00 alle 19.00, nell’area infanzia di Festambiente Vicenza è attivo un laboratorio per bambini sull’acqua e sul risparmio idrico in collaborazione con il progetto europeo Urban Water Footprint.

Per tutta la durata del festival Acque Vicentine è presente con un erogatore d'acqua naturale e frizzante.
Vi aspettiamo!

Festambiente si trova al Parco fluviale del Retrone, Quartiere Ferrovieri, Vicenza.

Al via i lavori annunciati dal Comune di Vicenza per il rifacimento dei sottoservizi in corso Padova, che prevedono tra l'altro la posa di condotte di gas metano, cavidotti per telecomunicazioni e nuovi allacci di gas metano e acquedotto con l'obiettivo di offrire ai cittadini servizi sempre migliori.

Per quanto riguarda i lavori sulla rete idrica, dal 5 giugno e per circa 1 mese, sono possibili brevi sospensioni del servizio di erogazione dell’acqua nell’arco della giornata in corso Padova e nelle vie limitrofe.
Scusandoci sin d’ora per eventuali disagi, suggeriamo ai cittadini delle vie interessate di utilizzare lavatrici e lavastoviglie nelle ore serali o notturne quando il cantiere è inattivo. Consigliamo inoltre di lasciare scorrere per qualche momento l’acqua dal rubinetto, nel caso risultasse un po’ torbida.

Per ridurre al minimo i disagi ai cittadini il cantiere avanzerà per brevi tratti. Per ulteriori informazioni è possibile contattare il servizio clienti di Acque Vicentine al numero verde 800397310.


A seguito di un intervento di spostamento di un tratto di condotta di adduzione dell’acquedotto “Bonna” necessario per la posa di altri sottoservizi, dalle 21 di giovedì 29 alle 9.00 di venerdì 30 maggio si potranno verificare dei cali di pressione e l’acqua potrà mancare ai piani più alti degli edifici nei comuni di Torri di Quartesolo, Grumolo delle Abbadesse, Camisano Vicentino, Grisignano di Zocco, Montegalda e Montegaldella. La situazione tornerà nella normalità nel corso della giornata di venerdì 30 maggio.

I lavori sono stati programmati in orario notturno per limitare i possibili disagi ai cittadini, che per ulteriori informazioni possono contattare il servizio clienti di Acque Vicentine al numero verde 800397310


Più chiarezza e più facilità di lettura. Prosegue l’impegno di Acque Vicentine Spa per la semplificazione e la trasparenza. Sono in arrivo in questi giorni le bollette con un nuovo layout grafico, studiato per rendere il documento più chiaro e più semplice da leggere per gli utenti.

“Con questa nuova forma rispondiamo alle indicazioni arrivate dall’Autorità in coerenza con l’impegno per la trasparenza e la semplificazione che da sempre caratterizza Acque Vicentine – sottolinea il presidente Angelo Guzzo – Facciamo quindi un nuovo passo avanti nell’ottica di garantire agli utenti non solo un servizio sempre più efficiente ma anche una comunicazione chiara e immediata. Inviando agli utenti una bolletta in cui sia facile trovare le informazioni utili”.

Nello specifico le nuove bollette si caratterizzano per una diversa organizzazione delle informazioni: tutte le principali indicazioni vengono raccolte nel primo foglio dove sono evidenziati in particolare consumi, importo da pagare e scadenza. Grazie a due colonne distinte e affiancate è inoltre possibile leggere subito i consumi misurati e i consumi stimati. Vengono quindi indicati altri elementi che possono essere di utilità all’utente: riepilogo degli importi, situazione pagamenti, recapiti per guasti, servizio clienti, richieste, reclami e autolettura.
Le pagine successive della bolletta presentano invece le informazioni di dettaglio che riguardano ogni singolo servizio di acquedotto, fognatura e depurazione. Sono presenti un grafico che consente di tenere sotto controllo l’andamento dei consumi riferito alle ultime 4 bollette e i riferimenti per effettuare i pagamenti e per richiedere la possibilità di pagare a rate.
A chiudere la bolletta sono infine le note di spiegazione su voci specifiche, le comunicazioni di Acque Vicentine e i messaggi dell’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico.
Proseguono i lavori su impianti primari che alimentano gli acquedotti di Bolzano Vicentino, Bressanvido e Quinto Vicentino.
Segnaliamo pertanto agli utenti dei Comuni interessati che nella settimana dal 7 al 11 aprile, nelle fasce orarie tra le 21.00 e le 23.00 e tra le 5.00 e le 7.00 potrebbero verificarsi dei temporanei cali di pressione.
Per ulteriori chiarimenti invitiamo l’utenza a contattare il nostro sportello telefonico al numero verde 800 39 73 10.

Progetto europeo "URBAN_WFTP": si è conclusa la prima fase del monitoraggio, prende avvio la seconda fase.

Il monitoraggio europeo Urban Water Footprint "U_WFTP" promosso da Acque Vicentine ha raccolto una grande partecipazione. La prima fase si è conclusa con 598 questionari compilati dai cittadini di Vicenza.

Ecco qualche dato emerso dal sondaggio
2341 Cittadini residenti a Vicenza contattati
25% Tasso di risposta

Tipologia di abitazione
65% Condominio
19% Case plurifamiliari
16% Case singole
Gli edifici mediamente hanno un'età pari a 35 anni con appartamenti che presentano una metratura media di 100 mq, per arrivare ai 140 mq nel caso di una casa singola.

Tipologia di nucleo familiare
2,5 Media componenti della famiglia
35 Anni,età media dei componenti

Utilizzo di tecnologie per il risparmio idrico
85% Riduttore di flusso nei rubinetti
65% Doppio bottone per lo scarico del WC
2% Recupero dell'acqua piovana

Con i dati raccolti abbiamo potuto tracciare un primo profilo delle abitudini rispetto all'uso dell'acqua.
Ora il monitoraggio continua con la seconda parte del questionario, relativo alla gestione dell'acqua una volta utilizzata, a cui sono stati invitati a partecipare gli utenti che hanno aderito alla prima fase.
Domenica 16 marzo ritorna “Bentornata Primavera!”, la giornata ecologica promossa dal Comune di Vicenza.

Dalle 15.00 alle 18.00 Acque Vicentine sarà presente in Piazza dei Signori con:
  • Stand informativo sull’acqua
  • Distribuzione gratuita di acqua potabile (naturale e gassata)
  • Promozione dei progetti di solidarietà
  • Laboratori didattici sull’acqua per bambini e famiglie
  • Suggerimenti di buone pratiche per risparmiare acqua e non inquinare.

Per conoscere tutte le attività in programma per Bentornata Primavera visitate la pagina specifica sul sito del Comune di Vicenza

Corsi di formazione sulla gestione integrata delle risorse idriche sotterranee ricarica artificiale delle falde
Presso il Centro Idrico di Novoledo, in Via Andrea Palladio 128, Villaverla VI sono organizzati da Acque Vicentine due corsi di formazione:

Martedì 8 aprile 2014
dalle 8:30 alle 14.00
Corso dedicato a tecnici della pubblica amministrazione

Mercoledì 9 aprile 2014
dalle 8:30 alle 14.00
Corso dedicato a professionisti e studenti

Il programma comprende:

- lezioni frontali su
  • idrogeologia della pianura veneta
  • aspetti normativi della gestione delle risorse idriche
  • governance delle acque sotterranee
  • pianificazione della gestione delle risorse idriche
  • la ricarica artificiale delle falde
  • monitoraggio qualitativo e quantitativo dei siti di ricarica
- e una visita tecnica guidata ad uno o più siti di ricarica.

L'organizzazione, la gestione dell'evento e il coffee break sono proposti da Acque Vicentine;
l'organizzazione delle visite dei siti di ricarica e il trasporto sono curati da Veneto Agricoltura.
Per entrambi i partner l'iniziativa viene attuata mediante il finanziamento dello strumento LIFE+ Aquor.


Sono stati chiesti n. 5 crediti per l’Aggiornamento Professionale Continuo.

Scarica il Pdf
Modulo iscrizione corsi.
Acque Vicentine, in quanto gestore idrico della città di Vicenza, partecipa al progetto europeo Urban Water Footprint “URBAN_WFTP” per monitorare, valutare e migliorare l'uso dell'acqua nelle aree urbane.

Allo scopo di tracciare un profilo delle abitudini e degli usi dell’acqua nelle città, utile per impostare strategie ambientali e di efficienza dei costi, abbiamo predisposto un questionario che, se sei un nostro utente, ti invitiamo a compilare qui.

Per maggiori informazioni sul progetto visita la pagina nella sezione Ricerca e Sviluppo

In allegato inseriamo le informazioni sui livelli di qualità raggiunti nel 2013, confrontati con i valori di riferimento stabiliti dal Consiglio di Bacino Bacchiglione e presenti nella Carta del Servizio Idrico Integrato Acque Vicentine Spa. Il documento integrale è consultabile in Pdf nella pagina Carta del Servizio Idrico.

Gli standard di continuità, di regolarità di erogazione e di tempestività del ripristino del servizio, sono da considerarsi validi in condizioni "normali" di esercizio che escludono situazioni straordinarie dovute a: eventi naturali eccezionali, eventi causati da terzi, scioperi diretti od indiretti, atti dell'Autorità pubblica, eventi comunque non dipendenti dal Gestore.






Dalle ore 24:00 di Giovedì 9 gennaio 2014 fino circa alle 3:00 di Venerdì 10 gennaio è programmato un intervento di potenziamento della centrale "Martinelli" con l’obiettivo di migliorare l’efficienza dell’impianto, di garantire una adeguata alimentazione idrica all’utenza e, contestualmente, di migliorare sensibilmente il rendimento energetico della centrale.

E’ stato scelto di intervenire nelle ore notturne per ridurre al minimo gli eventuali disagi agli utenti dei Comuni di Longare, Castegnero, Nanto senza sospendere la distribuzione dell’acqua, ma riducendone solamente la pressione di erogazione. La diminuzione di pressione potrà essere avvertita in modo particolare nei piani più alti delle abitazioni. Al termine dell’intervento la situazione tornerà alla normalità.

Per ulteriori chiarimenti invitiamo l’utenza a contattare il numero verde 800 39 73 10.

Per lavori su impianti primari che alimentano gli acquedotti di Bressanvido, Bolzano Vicentino e Quinto Vicentino segnaliamo agli utenti dei Comuni interessati che nella settimana dal 31 marzo al 4 aprile, nelle fasce orarie tra le 21.00 e le 23.00 e tra le 5.00 e le 7.00 potrebbero verificarsi dei temporanei cali di pressione.
Per ulteriori chiarimenti invitiamo l’utenza a contattare il nostro sportello telefonico al numero verde 800 39 73 10.

Lunedì 3 e martedì 4 febbraio Acque Vicentine procederà con l’esecuzione delle necessarie indagini sulla rete fognaria in Strada del Tormeno (Ordinanza PGN 3579 del 16/01/14).
Per l’esecuzione di tali indagini sarà necessario il restringimento della carreggiata in Strada del Tormeno istituendo un senso unico di percorrenza dall’incrocio con via Einaudi fino all’incrocio con Strada di Longara. Il traffico proveniente da Torri di Arcugnano sarà quindi obbligatoriamente deviato su Strada di Longara.
L’accesso ai residenti, alle attività commerciali ed ai mezzi di soccorso sarà comunque sempre garantito con le suddette modalità.
I lavori saranno eseguiti nei seguanti orari: dalle 07.00 alle 19:00.
In caso di condizioni meteorologiche avverse l’intervento sarà rinviato e sarà dato avviso della nuova data di esecuzione.